giovedì,Dicembre 1 2022

Procura Castrovillari, domani è il giorno di Alessandro D’Alessio

Come anticipato da Cosenza Channel, la quinta commissione del Csm porta in Plenum la nomina di Alessandro D'Alessio. Ecco i dettagli.

Procura Castrovillari, domani è il giorno di Alessandro D’Alessio

Domani la quinta commissione del Consiglio Superiore della Magistratura porterà in Plenum la nomina di Alessandro D’Alessio quale nuovo procuratore capo di Castrovillari. Una notizia anticipata da Cosenza Channel la scorsa settimana, che trova conferma negli atti ufficiali di Palazzo dei Marescialli.

Alessandro D’Alessio, attuale pubblico ministero antimafia della Dda di Napoli, ha ottenuto quattro voti a favore (su sei a disposizione) in commissione, che gli hanno permesso di avere la preferenza sugli altri candidati. La procura di Castrovillari, vacante dopo il trasferimento di Eugenio Facciolla presso il tribunale di Potenza, era ambita da diversi magistrati importanti, anche del panorama giudiziario calabrese.

Procura Castrovillari, chi erano gli altri candidati

Inizialmente infatti avevano presentato domanda l’attuale procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Gerardo Dominijanni, che in seguito ha revocato l’istanza (come Pietro Pollidori, Roberto Amorosi e Rocco Cosentino), Renato Martuscelli (uscito dall’ordinamento giudiziario), Francesco Soviero (destinato alla procura di Salerno quale nuovo procuratore aggiunto), Antonio Clemente, Marcello Quercia e infine l’attuale procuratore aggiunto di Cosenza, Marisa Manzini.

La scelta di Alessandro D’Alessio arriva dopo il parere attitudinale espresso dal Consiglio giudiziario presso la Corte d’Appello di Napoli che ha giudicato in maniera altamente positiva la carriera del magistrato «nei quali sono sempre stati attestati l’equilibrio, la notevole preparazione professionale, le doti direttive ed organizzative, la diligenza e la laboriosità del candidato» si legge nei documenti in possesso di Cosenza Channel.

La carriera di Alessandro D’Alessio

Durante il suo percorso da pubblico ministero, Alessandro D’Alessio si è occupato in tante occasioni di criminalità organizzata, ad esempio svolgendo indagini nei confronti del clan Esposito di Sessa Aurunca e partecipando allo storico processo contro i Casalesi, denominato “Spartacus”. Proprio questo filone investigativo fu importante per acquisire esperienza e confrontarsi con numerosi collaboratori di giustizia, usciti fuori dalla mafia campana, come Carmine Schiavone, Dario De Simone, Alberto Di Tella, Giuseppe Quadrano ed altri. Sul perché D’Alessio abbia avuto la meglio su Marisa Manzini ci torneremo in un altro servizio. Da domani, dunque, la procura di Castrovillari avrà il nuovo capo dell’ufficio, in questo periodo diretto dal magistrato Simona Manera.

Articoli correlati