domenica,Giugno 23 2024

Questo Capodanno non s’ha da fare. La Regione boccia Cosenza per la seconda volta

Anche l'ultima speranza per il concertone con nomi nazionali naufraga sugli scogli di una Cittadella sempre più blindata rispetto alle richieste bruzie

Questo Capodanno non s’ha da fare. La Regione boccia Cosenza per la seconda volta

La sfortuna pare accanirsi, in questa coda d’anno, sulla città dei bruzi. Un destino beffardo rema contro ogni iniziativa di festa. Non bastava lo sberleffo di Mario Occhiuto che continua a postare su facebook i bei ricordi andati di quando le luminarie illuminavano a giorno la città senza i pensieri dei rincari, non bastava la speranza – quasi naufragata – di ricevere parte di quel mitologico famoso milione e mezzo annunciato sui social dal neo senatore (cosentino) Fausto Orsomarso e rimasto fuori dalla “to do list” di Occhiuto (Roberto) che nella giunta di ieri non ne ha parlato neanche di striscio; non bastava ricordare con quanta amarezza il comune di Cosenza è rimasto fuori da finanziamenti regionali da 30mila euro, adesso la pietra tombale arriva dalla Cittadella (di nuovo) che ha messo una bella X sull’idea delle Invasioni invernali che comprendevano il Capodanno.

È stata infatti pubblicata la graduatoria provvisoria degli ammessi ai finanziamenti relativi agli “Eventi di Promozione Culturale” approvati con DDG 9557 del 30/08/2022 e DDG 10273 del 06/09/2022, che vedono esclusi illustri tra cui il Comune di Rende, Trame, Fondazione Carical per citarne solo alcuni. Una vera e propria Caporetto per il comune bruzio che incassa un’altra delusione e rinuncia al concertone per ripiegare su eventi, giocoforza, minori per allietare la fine dell’anno in piazza. I 100mila euro richiesti rimangono dunque nel cassetto con l’adesivo “richiesta ammissibile ma non finanziabile per carenza di risorse” e un lucchetto nella toppa.

Articoli correlati