sabato,Maggio 25 2024

Caruso: «Calabria Verde completi la pulizia dei fiumi a Cosenza con massima urgenza»

Secondo il sindaco il protocollo non è mai rispettato dall'organo in house della Regione nonostante le sollecitazioni dell'assessore Sconosciuto

Caruso: «Calabria Verde completi la pulizia dei fiumi a Cosenza con massima urgenza»

«E’ urgente il completamento dell’intervento di pulizia delle aree spondali dei fiumi cittadini, partito ad ottobre 2022, grazie al protocollo d’intesa con Calabria Verde, e, da quest’ultima, mai ultimato». Lo afferma il sindaco Franz Caruso che dopo diverse richieste da parte dell’assessore Pasquale Sconosciuto alla stessa Calabria Verde, rimaste inascoltate, ha inviato una lettera di sollecito al direttore generale di Calabria Verde. 

«Ho chiesto – prosegue il sindaco Franz Caruso – un pronto ed immediato riavvio dei lavori a Cosenza di pulizia dei nostri fiumi per consentire il regolare deflusso delle acque fluviali, ostacolato dalla folta vegetazione che ricopre appunto le aree spondali». 

«Le condizioni metereologiche avverse che vedono protagonista una caduta di pioggia a volte torrenziale – prosegue l’inquilino principale di Palazzo dei Bruzi- stanno mettendo in allarme il sottoscritto, come pure la cittadinanza anche a seguito della drammatica alluvione verificatosi in Emilia Romagna provocando danni ingenti e, purtroppo, tragici decessi in alcune città».

Caruso fa presente che «i nostri fiumi sono oggi ingrossati proprio perché non è stato ultimato un intervento che in maniera preventiva, cioè otto mesi fa, avevo chiesto e portato avanti con Calabria Verde, al fine di contrastare efficacemente le condizione di criticità dei nostri corsi d’acqua che non venivano bonificati e puliti da tempo immemore per diversi tratti».

«Nei giorni scorsi, pertanto, ho formulato la richiesta di un tempestivo completamento degli interventi già programmati, che mi auguro sarà immediatamente presa in considerazione dall’azienda Calabria Verde. I nostri corsi d’acqua – chiude il sindaco – sono in molte zone stretti e ripidi e quindi necessitano, per prevenire possibili fenomeni di esondazione, di operazioni specifiche e, in molti casi, straordinarie attesa la deprecabile condizione in cui versano rappresentando situazioni di pericolo per l’incolumità pubblica».

Articoli correlati