Tutte 728×90
Tutte 728×90

“LAQUEO” | Le indagini: dai tassi usurai al 30% mensile al tentato omicidio del fratello del pentito

“LAQUEO” | Le indagini: dai tassi usurai al 30% mensile al tentato omicidio del fratello del pentito

La Procura antimafia di Catanzaro avrebbe documentato l’esistenza di un collaudato sistema usurario posto in essere da alcuni affiliati alle citate consorterie che, in totale accordo, utilizzando denaro della “bacinella” della ‘ndrangheta cosentina, elargivano rilevanti prestiti ad imprenditori in difficoltà economiche. Modesto, secondo i Ros, avrebbe finanziato il presunto sodalizio mafioso.

Questa mattina, i Carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Cosenza, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari in carcere e agli arresti domiciliari, emessa dal GIP del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della locale Procura Distrettuale Antimafia, nei confronti di un organizzazione criminale responsabile di usura ed estorsione aggravate dalle modalità mafiose e tentato omicidio. Il provvedimento scaturisce dall’esito delle risultanze investigative incentrate principalmente sulla raccolta e analisi delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Roberto Violetta Calabrese, che avrebbero consentito di far piena luce sulla ramificata presunta attività di usura posta in essere dagli odierni indagati, a vario titolo, per conto delle cosche federate “Lanzino-Cicero” e “Rango-zingari” egemoni sulla città di Cosenza, utilizzando il denaro contante proveniente dalla cosiddetta “cassa comune” della ‘ndrangheta cosentina. I puntuali riscontri effettuati alle dichiarazioni del collaboratore, avrebbero documentato l’esistenza di un collaudato sistema usurario posto in essere da alcuni affiliati alle citate consorterie che, in totale accordo, utilizzando denaro della “bacinella” della ‘ndrangheta cosentina, elargivano rilevanti prestiti ad imprenditori in difficoltà economiche, prevalentemente del settore edile, con l’imposizione di tassi d’interesse sino al 30% mensile. Sarebbe stato accertato come il recupero dei crediti erogati ed il rispetto degli accordi usurari venissero garantiti anche con il ricorso a violenze e minacce nei confronti degli stessi imprenditori. In tale ambito, sarebbe altresì emersa l’imposizione di assunzioni e la realizzazione di lavori edili in favore degli indagati e di imprese agli stessi riconducibili, quale corrispettivo delle somme di denaro dovute dalle vittime al sodalizio. Nel medesimo contesto investigativo sarebbe stato documentato il coinvolgimento di uno degli indagati, Mario Mandoliti, legato a Luisiano Castiglia, presunto elemento di spicco della cosca “Lanzino-Cicero”, nel tentato omicidio di Sandro Violetta Calabrese, fratello del collaboratore di giustizia, consumato nei giorni immediatamente successivi alla sua defezione e finalizzato a farlo recedere dall’avviata collaborazione con la giustizia. Il Ros inoltre, avrebbe accertato il coinvolgimento nell’attività di finanziamento della cosca del calciatore professionista, attualmente svincolato, Francesco Antonio Modesto, già in forza al Crotone e militante in passato di numerose società calcistiche di serie A e B. L’operazione odierna, coordinata dal procuratore Capo di Catanzaro Nicola Gratteri, dai Procuratori Aggiunti, Giovanni Bombardieri e Vincenzo Luberto e dal sostituto Procuratore, Pierpaolo Bruni, attualizza uno sforzo investigativo in atto da diversi anni sulla città di Cosenza, evidenziando come le cosche federate “Lanzino-Cicero” e “Rango-zingari”, benché fortemente ridimensionate, siano comunque sempre attive nella gestione degli affari illeciti.

Related posts