Tutte 728×90
Tutte 728×90

Tela del Ragno, 11 ergastoli e 5 assoluzioni

Tela del Ragno, 11 ergastoli e 5 assoluzioni

Ecco la sentenza della Corte d’Assise di Cosenza emessa dopo oltre cinque ore di Camera di Consiglio. La pubblica accusa aveva chiesto quattordici “fine pena mai”. 

 

Nella tarda serata la Corte d’Assise di Cosenza ha emesso la sentenza di primo grado relativa al processo “Tela del Ragno” che ha fatto luce sugli omicidi di Luciano Martello, Salvatore Imbroinise, Luigi Sicoli e Rolando Siciliano avvenuti tra la fine del 1990 e gli inizi del duemila nel Tirreno cosentino. Dopo oltre cinque ore di Camera di Consiglio, il presidente Giovanni Garofalo (giudice a latere Francesca De Vuono) ha condannato all’ergastolo Giovanni Abruzzese, Gennaro Ditto, Giancarlo Gravina, Giacomino Guido, Giuseppe Lo Piano, Mario Martello, Valerio Salvatore Crivello, Nella Serpa, Mario Mazza,  Fabrizio Poddighe e Francesco Tundis, 22 anni a Umile Micieli, 14 anni al pentito Giuliano Serpa e 11 anni al collaboratore di giustizia Vincenzo Dedato. Sono stati assolti invece Tommaso Gentile, Mario Matera, Livio Serpa, Ulisse Serpa e Paolo Brillantino.

In mattinata la pubblica accusa, rappresentata dal procuratore capo di Castrovillari Eugenio Facciola aveva replicato alle arringhe difensive e a loro volta gli avvocati hanno ribattuto nel primo pomeriggio. Nel corso della requisitoria il magistrato cosentino aveva chiesto l’ergastolo per Giovanni Abruzzese, Paolo Brillantino, Gennaro Ditto, Giancarlo Gravina, Giacomino Guido, Giuseppe Lo Piano, Mario Martello, Valerio Salvatore Crivello, Nella Serpa, Mario Mazza, Umile Miceli, Fabrizio Poddighe, Livio Serpa e Francesco Tundis; pr i pentiti Vincenzo Dedato (11 anni) e Ulisse Serpa l’accusa aveva richiesto 12 anni di carcere ciascuno, mentre 15 anni di reclusione per l’altro collaboratore di giustizia Giuliano Serpa (14). Inoltre aveva invocato l’assoluzione per Tommaso Gentile e Mario Matera. Per Luca Bruni è stata emessa una sentenza di proscioglimento per intervenuta morte del reo.

Antonio Alizzi

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it