Tutte 728×90
Tutte 728×90

Guarascio: «Per Valoti parla la storia. Avanti con De Angelis in panchina»

Guarascio: «Per Valoti parla la storia. Avanti con De Angelis in panchina»

Il presidente: «La scelta del nuovo ds arriva perchè c’era criticità nel collegamento tra club ed allenatore. Valoti è figura nuova, lontana da quelle cosentine».

A fare gli onori di casa nel giorno della presentazione di Aladino Valoti, oggi c’era il presidente del Cosenza Eugenio Guarascio. «Oggi sono contento e felice perché abbiamo preso una decisione importante per il Cosenza, nel segno della continuità. Siamo andati al di là del Po, perché in passato le scelte sono avvenute con personalità legate al Cosenza». All’obiezione sollevata dalla stampa sul termine continuità che pare non albergare affatto a Via degli Stadi,  il patron risponde che per lui «la continuità è data dai risultati».

«Nell’anno passato abbiamo fatto qualcosa di positivo, ma siamo arrivati quinti senza raggiungere playoff – continua – Poi abbiamo dato fiducia all’allenatore e scelto in base a ciò un responsabile dell’area tecnica. Nei primi mesi sono arrivati i riscontri dal campo, poi un po’ meno. A quel punto gli obiettivi stavano per sfuggire ed abbiamo fatto alcune riflessioni rendendoci conto che nel collegamento tra club e tecnico c’erano criticità. Siamo intervenuti per ovviare a ciò». Guarascio intanto sembra stregato dalle capacità manageriali del nuovo operatore di mercato. «Aladino è stato 12 anni all’Albinoleffe, ma fa parte della storia del Cosenza alla quale ci siamo aggrappati. Per lui parla la storia e noi puntiamo sulle sue competenze per migliorarci. Per il futuro la società gli metterà a disposizione quanto possibile. Conosciamo i nostri punti deboli, come ad esempio le strutture, e sappiamo di dover crescere. Lo faremo con il lavoro risolvendo le varie problematiche».

I tifosi si aspettano molto dal Cosenza e da Guarascio. La parola Serie B è l’unica che potrebbe infiammare la piazza. «Intervenire nel calcio è sempre complicato, ma noi siamo stati fortunati ad incontrare Valoti sulla nostra strada. Dobbiamo stare con i piedi per terra senza avere grandi aspettative e lottare tutti insieme. Oggi siamo in una condizione ottimale se analizziamo il calcio italiano: per fare di più, ad ogni modo, c’è bisogno di personalità e uomini. Ne ne abbiamo scelto uno a cui non manca affatto».

Guarascio, infine, parla della scelta dell’allenatore dopo l’esonero di Roselli. «De Angelis è stata una scelta ovvia, una scelta che stava nella logiche delle cose. Non è per nulla una soluzione tampone, andremo avanti con lui. Ribadisco che verranno apportate delle migliorie e ci stiamo ingegnando. In questa settimana dovremmo sottoscrivere la famosa convenzione con il comune. Chiediamo di avere delle strutture adeguate anche per il settore giovanile. Speriamo nella concretezza dei nostri interlocutori e di poter usufruire dei campi per ogni tesserato. Senza questa base è complicato fare discorsi di qualsiasi genere». A fine conferenza il presidente ha offerto il pranzo a tutti i giornalisti presenti: un passo in avanti anche nei rapporti con la stampa. (Alessandro Storino)

Related posts