EccellenzaPromozioneSerie D

Coronavirus letale per i Dilettanti? Gravina: «A rischio 3mila società»

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, lancia il grido d'allarme: «L'emergenza Coronavirus può provocare un disastro tra i Dilettanti»

L’emergenza legata al Coronavirus abbraccia ogni settore del paese. Sotto la luce dei riflettori non ci sono solo i campionati di Serie A o di Serie B, ma specialmente quelli minori. E’ lì che i presidenti delle società di calcio non hanno sussidi dalla Federazione o dalle singole leghe e che compiono enormi sacrifici per fare calcio. Il numero uno della Figc, Gabriele Gravina, si è soffermato sull’argomento portando all’attenzione un possibile problema. Abbiamo chiaramente usato un eufemismo, perché le sue parole sono pesantissime. «Sono preoccupato per il calcio – ha detto -. Lo sono per la A, la B, la C e per i Dilettanti. Anzi, comincerei da lì perché è un settore che rischia di perdere oltre tremila società». Numeri disastrosi.

Il 98% del calcio italiano è dilettantismo

L’Italia conta circa 1milione e 45mila tesserati, tra movimenti maschili e femminili, nel panorama dilettantistico. Questo mondo abbraccia pertanto il 98% del totale. Il resto, leggasi pertanto da Cristiano Ronaldo della Juve a Rossini del Rende, è soltanto il restante 2%. Nonostante i numeri parlino chiaro e la quasi totalità delle partite vengano disputate in periferia, su campetti poco curati ma dalla grande dignità, il 70% della mutualità finisce ai piani di sopra. Circa 11,4 miliardi di euro che hanno consolidato il calcio a vera e propria industria dello Stivale. I Dilettanti, pertanto, con l’emergenza Coronavirus a bloccare l’economia del paese, rischiano quasi di scomparire.

Il terremoto Coronavirus sui Dilettanti

Il panorama della LND è abbastanza omologato, le eccezioni sono casuali e abbracciano di rado le metropoli. Palermo, o Catania e Salerno in passato, sono eccezioni figlie di default professionistici. La realtà sono la provincia e le seconde squadre dei centri medio-grandi che possono sostenere anche altri club oltre al principale. I presidenti di queste compagini garantiscono di tasca propria l’attività sportiva. Si riesce ad andare avanti, finché il gioco vale la candela, grazie agli sponsor, alle scuole calcio quando ci sono e alle attività commerciali correlate. Parliamo ad esempio dei bar all’impianto sportivo o del fitto dei campi a privati cittadini. Tra i Dilettanti, adesso, queste tre voci di introiti si sono azzerate a causa degli effetti del Coronavirus. Come? E’ probabile che un’azienda sostenitrice abbia chiuso momentaneamente i battenti e non possa garantire il pattuito. Le attività di base, così come le partitelle tra amici, inoltre non si possono più svolgere fino a nuovo ordine. Insomma, molto più che un grattacapo, anche perché calciatori e fornitori  attendono rimborsi spesa e saldi. E sorvoliamo sull’aspetto luce, gas, acqua per i quali dovrebbero però arrivare delle esenzioni statali.

Mostra altro

Antonio Clausi

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 2010 ha lavorato fin dal 2007 presso le redazioni de “La Provincia Cosentina”, di “Calabria Ora”, di “Cronache del Garantista” di cui coordinava i servizi per la Calabria, e del “Quotidiano del Sud”. Dal 2008, inoltre, collabora attivamente con CosenzaChannel.it. Spesso ospite di talk-show televisivi e radiofonici, ha come hobby i 33 giri e la musica.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina