giovedì,Luglio 18 2024

Cosenza in Serie B, è il giorno del giudizio. Guarascio ha grande ottimismo

Non si andrà oltre questo pomeriggio. Massimo in serata il Cosenza saprà se disputerà come pare il prossimo campionato di Serie B. A Via degli Stadi c’è grande ottimismo a riguardo, anzi il presidente Guarascio è certo della riammissione. I suoi rapporti con Gravina e la Figc sono rimasti ottimi anche dopo l’eccessiva forma di

Cosenza in Serie B, è il giorno del giudizio. Guarascio ha grande ottimismo

Non si andrà oltre questo pomeriggio. Massimo in serata il Cosenza saprà se disputerà come pare il prossimo campionato di Serie B. A Via degli Stadi c’è grande ottimismo a riguardo, anzi il presidente Guarascio è certo della riammissione. I suoi rapporti con Gravina e la Figc sono rimasti ottimi anche dopo l’eccessiva forma di zelo utilizzata dal numero uno della Federazione martedì scorso. Ma il patron dei Lupi ha scelto la strada che sempre lo ha contraddistinto: non alzare i toni. Del resto anche al Tribunale amministrativo del Lazio sarà fedele alleato del massimo organo sportivo calcistico nazionale. Come noto, infatti, entrambi si sono costituiti insieme al Coni contro il Chievo Verona nel ricorso presentato dal club del presidente Campedelli.

Cosenza in Serie B, si decide oggi

Il ricorrente, ovvero il Chievo Verona, ha presentato l’istanza di decreto monocratico inaudita altera parte per ottenere un provvedimento cautelare. Questo, tuttavia, deve essere supportato dal fumus, ossia i motivi del ricorso devono essere fondati. Secondo ciò che trapela da ambienti vicini al club rossoblù e alla Figc, le speranze dei clivensi sono bassissime. Proprio per questo Guarascio vive ore di grande ottimismo ed è convinto che in serata finalmente Gravina riammetterà il Cosenza in Serie B. Campedelli, invece, spera che la sezione I-ter Tar del Lazio emetta il provvedimento cautelare, in accoglimento dell’istanza presentata con numero 7876/2021 del procedimento. A quel punto la Figc dovrebbe poi agire di conseguenza. Il decreto monocratico inaudita altera parte, in sostanza, può anticipare gli effetti della misura cautelare classica, ma non sempre e non è scontato, Tuttavia l’udienza in cui si entrerà nel merito non potrà esserci prima di venti giorni. A giochi già fatti.

Articoli correlati