domenica,Dicembre 5 2021

Spaccio di droga a Cosenza, chiesti oltre 13 anni di carcere

Oggi la procura di Cosenza ha concluso la prima parte della requisitoria dell'inchiesta sullo spaccio di droga. Ecco le richieste di condanna.

Spaccio di droga a Cosenza, chiesti oltre 13 anni di carcere

Una delle tante indagini sullo spaccio di droga a Cosenza volge quasi al termine. Oggi la procura di Cosenza ha chiesto la condanna per quegli imputati che hanno scelto di farsi giudicare con il rito abbreviato, mentre ha invocato il processo per gli altri. Si tratta dell’inchiesta condotta dalla Squadra Mobile di Cosenza che nel settembre del 2020 aveva smascherato un gruppo di spacciatori, rilevando tra le varie condotte illecite anche le ipotesi di reato di estorsione e violenza privata.

Spaccio di droga a Cosenza, le richieste di condanna

Oggi, davanti al gup Letizia Benigno, la pubblica accusa, rappresentata dal sostituto procuratore Domenico Frascino, ha richiesto 6 anni di carcere per Alfredo Sirufo, 2 anni e 4 mesi per Pietro De Mari, un anno e 8 mesi per Carmine Ariello, un anno e 6 mesi per Daniele Morrone e un anno e 4 mesi per Andrea Ciancio. Gli altri imputati – Giuseppe Muto, Teodorov Ilivan Cvetanov, Carla Greco e Livio Sirufo – attendono la decisione sul rinvio a giudizio o meno.

All’appello mancano, dunque, soltanto le posizioni di Teodorov Ilivan Cvetanov e Candido Perri (abbreviato condizionato all’escussione di un testimone), che saranno discusse nella prossima udienza fissata per il 20 settembre. Nel collegio difensivo figurano gli avvocati Domenico Caputo, Giampiero Calabrese, Fabio Parise, Francesca De Luca, Gabriele Volpe, Roberta Amendola, Antonio Ingrosso, Pasquale Marzocchi e Giuseppe Lanzino.

Articoli correlati