lunedì,Settembre 26 2022

Cosenza, Giunta Caruso: le prime indiscrezioni sulla composizione

Il day after l’elezione di Franz Caruso a sindaco di Cosenza è caratterizzato dal classico modo di affrontare i verdetti. Chi ha vinto festeggia, chi ha perso spiega i perché della sconfitta. Il fair-play, almeno all’apparenza, non è tuttavia venuto meno. Francesco Caruso, Mario Occhiuto e una serie di consiglieri di minoranza si sono congratulati

Cosenza, Giunta Caruso: le prime indiscrezioni sulla composizione

Il day after l’elezione di Franz Caruso a sindaco di Cosenza è caratterizzato dal classico modo di affrontare i verdetti. Chi ha vinto festeggia, chi ha perso spiega i perché della sconfitta. Il fair-play, almeno all’apparenza, non è tuttavia venuto meno. Francesco Caruso, Mario Occhiuto e una serie di consiglieri di minoranza si sono congratulati con il nuovo primo cittadino mettendo un freno ai toni classici della campagna elettorale. I giochi sono fatti, inutile andare avanti. È iniziata, invece, una nuova partita, apertissima, per i posti in Giunta. L’idea lasciata trapelare è di creare un gruppo giovane, pescando anche tra gli eletti. La parola d’ordine, nei nomi e nelle carte di identità, è “discontinuità”. Qualche giorno ancora e si capirà se alle intenzioni seguiranno i fatti.

L’accordo tra Franz Caruso e Francesco De Cicco

I primi spifferi riguardano l’accordo politico che ha sancito la stretta di mano con Francesco De Cicco. L’intesa è stata raggiunta su una serie di interventi legati al territorio (viabilità, raccolta dei rifiuti, attenzione alle periferie…) e su due posti in Giunta. Gli assessori che faranno parte della squadra di governo di Caruso si occuperanno dei quartieri e del decoro urbano. A riguardo, sorprese non dovrebbero essercene. Uno dei nomi più quotati è Pasquale Sconosciuto, con 459 voti il primo delle liste della sua coalizione. L’altro profilo potrebbe essere quello dello stesso De Cicco. A riguardo, però, è tutto in itinere e bisogna tenere in conto le quote rosa. Per legge nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40%, con arrotondamento aritmetico. Alla fine saranno cinque uomini e quattro donne.

Bianca Rende presidente?

A proposito del Consiglio comunale, il delicato ruolo di presidente potrebbe andare a Bianca Rende. Buone percentuali, ma non così alte da esporsi con certezza. Usare il condizionale, pertanto, è d’obbligo. E’ una poltrona ambita per tanti motivi e sarà oggetto di discussione per garantire i nuovi equilibri interni alla maggioranza. Sulla carta sembra blindata: 24 a 8 per il sindaco socialista.