Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Cosenza inizia dagli under. Per Di Somma ipotesi Melfi o Rende

Il Cosenza inizia dagli under. Per Di Somma ipotesi Melfi o Rende

Il difensore potrebbe lasciare i rossoblù e accasarsi al Lorenzon. Valoti valuta di mandare in prestito anche l’altro ’97 che c’è in organico: l’attaccante Trombino.

Il Cosenza vorrebbe sistemare gli under di proprietà che da luglio si allenano ininterrottamente con i grandi. Il primo a cui va trovata una collocazione è Vincenzo Di Somma (‘97). Sul calciatore ci sono un paio di club di Lega Pro (Melfi su tutti) che non gli garantirebbero un numero adeguato di presenze e delle formazioni di Serie D con cui il discorso cambierebbe radicalmente. Ieri pomeriggio Valoti, Federico e De Angelis erano sulle gradinate del Lorenzon per seguire dal vivo Rende-Roccella, match vinto dai padroni di casa per 4-1 anche grazie ad una doppietta di Modesto. A fine partita si è parlato di un possibile trasferimento del difensore rossoblù. E’ stato più che altro un’idea buttata lì, perché l’argomento verrà preso con il suo agente nei prossimi giorni. Non è sicuro, infatti, che la formula sia quella del prestito. Ipotizzabile anche una rescissione visto che con i Lupi non ha avuto lo spazio sperato.

valoti-de-angelis-marulla-federico-de-rosa-lorenzon-rende
Da sinistra: De Rosa, Valoti, De Angelis, Federico e Marulla sugli spalti del Lorezon

L’altro elemento che dovrebbe trovare altrove una sistemazione è Alfredo Trombino (‘97). L’attaccante ha recuperato pienamente dall’infortunio che gli ha impedito a lungo di mettersi in mostra con Giorgio Roselli, tecnico che ha voluto tenerlo con sé al Marulla dopo la buona stagione in Berretti. Situazione leggermente differente per Marco Stranges (‘99), forse il più talentuoso tra i baby in organico. L’esterno quando gioca con le giovanili fa la differenza ed anche in ritiro a Lorica stregò i tifosi per alcuni numeri. Ha bisogno dei 90’, non è escluso che provi un’avventura nelle categorie inferiori per tornare forgiato dovere. Andrea Bilotta (‘99) e Michele Collocolo (‘99) dovrebbero restare in organico. Specialmente il primo è a tutti gli effetti una riserva su cui De Angelis fa affidamento. (Antonio Clausi)

Related posts