Cosenza Calcio

Cosenza e Venezia, quando si fondono i colori dell’amicizia

Cosenza e Venezia si sono ritrovate un anno fa. L'amicizia tra le tifoserie ha rinsaldato un rapporto sincero tra le parti di lunga durata.

Arancioneroverderossoblù. Va pronunciato proprio così, tutto d’un fiato. Il rapporto di amicizia tra le tifoserie di CosenzaVenezia è stato rinsaldato l’anno scorso a margine di 16 anni in cui le due formazioni non si affrontavano. Tanto era trascorso, infatti, da quando i Lupi sbancarono il Penzo con le reti di OshadoganTedesco. Tutto inutile, perché la retrocessione fu l’anticamera del fallimento. Onta che ha investito anche la Laguna, tornata sotto le luci dei riflettori grazie ad un patron americano: Joe Tacopina.

L’amicizia ritrovata tra Cosenza e Venezia

Il gemellaggio, nato nel ’92 in riva al Crati, tra le due curve sfociò nei primi anni 2000 in diverse partecipazioni dei fan del Cosenza al “Torneo del Bae”, finalizzato a sostenere la lotta in Chiapas degli Zapatisti. Fu realizzato materiale comune e di sovente gli stendardi rossoblù comparvero al fianco di quelli del Venezia quando giocava al sud. Il Ceravolo di Catanzaro e l’Arechi di Salerno sono due esempi lampanti. Stessa cosa quando i Lupi scendevano in campo al nord. La Serie D vissuta da entrambe le piazze e i fisiologici ricambi generazionali, portarono i due gruppi a incontrarsi nuovamente l’anno scorso a dicembre.

Che ospitalità

Prima che D’Orazio regalasse tre punti d’oro a Piero Braglia, le tifoserie avevano bevuto e discusso insieme fino al fischio d’inizio per le strade della città. Non solo, perché gli ultrà del Venezia avevano invitato “i colleghi” del Cosenza all’inaugurazione della loro nuova sede. Insomma, un modo vero e proprio per rinsaldare un’amicizia che ha resistito al tempo. L’ospitalità è stata ricambiata nella partita di ritorno al Marulla, quella della rovesciata di Tutino, e in Curva Sud Bergamini è spuntato anche uno striscione eloquente. “Salutiamo i nostri fratelli” c’era scritto, un messaggio di assoluta complicità sul modo di intendere il mondo del calcio con l’occhio di chi si posiziona dietro la porta. 

Mostra altro

Antonio Clausi

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 2010 ha lavorato fin dal 2007 presso le redazioni de “La Provincia Cosentina”, di “Calabria Ora”, di “Cronache del Garantista” di cui coordinava i servizi per la Calabria, e del “Quotidiano del Sud”. Dal 2008, inoltre, collabora attivamente con CosenzaChannel.it. Spesso ospite di talk-show televisivi e radiofonici, ha come hobby i 33 giri e la musica.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina