Politica

Elezioni in Calabria, Oliverio: «Fisserò la data nel rispetto della legge»

Sulle elezioni in Calabria rimane il punto interrogativo della data. Oliverio in Consiglio regionale critica fortemente la sua maggioranza.

Centrodestra e centrosinistra alle prese con le faide interne, ma la domanda che tutti si pongono è: quando si voterà in Calabria? Risponde sul tema, il governatore della Calabria Mario Oliverio. «La data delle elezioni non solo verrà fissata nel rispetto delle procedure previste ma, aggiungo, sarà anche un momento di coinvolgimento del Consiglio regionale e dei capigruppo. Nessuno è tanto folle, men che meno io, da pensare di operare colpi di mano sulla data delle elezioni. Siccome ho colto questa preoccupazione, dentro e fuori il Pd e anche nelle opposizioni, tranquillizzo tutti e i calabresi innanzitutto, che il sottoscritto non è uno che pensa di utilizzare la data delle elezioni per giochi tattici».

Poi cita Sigmund Freud: «”Ognuno ha dell’altro l’immagine speculare di se stesso”, pensa che la mia dimensione culturale e politica sia uguale alla sua. La data delle elezioni, quindi, lo ripeto per l’ennesima volta, sarà decisa attraverso valutazioni che partono, innanzitutto, dal fatto che bisogna consentire ai partiti di preparare le liste in modo libero da tatticismi. I tatticismi li lascio alla “zavorra”. E, lo dico con amarezza, di zavorra ce n’è tanta in giro».

Oliverio attacca, tra le righe, Guccione e altri…

«Sfido tutti gli schieramenti presenti in questo Consiglio regionale a dire se sono pronti alle elezioni. Le farse, per favore, si lascino al giorno di Carnevale. Alzi la mano chi è pronto ad affrontare le elezioni. I calabresi hanno abbastanza intelligenza e consapevolezza per capire le cose. Punto. Per quanto riguarda le altre questioni vorrei evidenziare, con rispetto per tutti, che in questo Consiglio regionale una maggioranza non esiste da tempo. I colleghi dell’opposizione sanno bene che c’è stata una parte della maggioranza che ha condotto in questi anni un’opposizione precostituita e mai nel merito al sottoscritto, scavalcando a volte addirittura la stessa opposizione».

Chiaro riferimento a Carlo Guccione che è tra i pochi membri della maggioranza (sic!?) che attacca di continuo il presidente della Giunta regionale: «Se la minoranza oggi, e non solo oggi, sta esercitando il diritto di veto sull’attività del Consiglio regionale è perché c’è una maggioranza che in questi anni ha avuto al suo interno una costante opposizione. E i calabresi questo lo sanno». Oliverio poi conclude così: «Constato, che oggi la vostra insistenza» riferendosi agli altri consiglieri regionali «ad accelerare la data delle elezioni si è molto affievolita e che una parte dell’opposizione interna alla maggioranza ragiona diversamente rispetto alla volta scorsa. La tattica la lascio a chi ne ha bisogno. La data delle elezioni, lo ribadisco, sarà scelta nel pieno rispetto della legge. Oliverio non ricorrerà né a colpi di scena né a colpi di mano. La Calabria di tutto ha bisogno, tranne che di giocare al gatto col topo».

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina