sabato,Ottobre 1 2022

Coronavirus, decessi a Celico, Frascineto e Scalea: la situazione

Morto un uomo di 80 anni, positivo al coronavirus: era di Celico. Si registrano decessi anche a Frascineto e Scalea: la situazione.

Coronavirus, decessi a Celico, Frascineto e Scalea: la situazione

Nella serata di oggi è deceduta la 43esima persona in provincia di Cosenza. Si tratta di un uomo, 80enne, di Celico, comune della Presila, dichiarato “zona rossa” dalla Regione Calabria, insieme a Casali del Manco. L’anziano era ricoverato presso il reparto di Terapia Intensiva dell’ospedale “Annunziata” di Cosenza.

«Dopo i due decessi con Covid registrati a Casali del Manco nei giorni scorsi, stasera purtroppo anche nella vicina comunità di Celico si registra il primo morto. Condoglianze, a nome di tutto il gruppo consiliare del Partito Democratico di Casali del Manco, al già consigliere comunale Pino Pagnotta per la scomparsa del suocero» si legge in un post pubblicato su Facebook dal gruppo consiliare del Pd di Casali del Manco.

Decessi anche a Frascineto e Scalea

Prima dell’uomo di Celico, era deceduta una signora di 75 anni, residente nel comune di Frascineto. La donna era ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva dell’ospedale “Annunziata” di Cosenza. La notizia è stata confermata dal sindaco di Frascineto, Angelo Catapano. Nel tardo pomeriggio, invece, era scomparso un uomo, 86enne, che si trovava in isolamento domiciliare a Scalea. Sono dunque 43 le vittime in provincia di Cosenza.

Articoli correlati