Tutte 728×90
Tutte 728×90

Moriero, il Cosenza e quel derby al Ceravolo…

Moriero, il Cosenza e quel derby al Ceravolo…

Il Cosenza ritrova Checco Moriero, allenatore della Sambenedettese che sulla panchina del Catanzaro diresse la squadra che perse 3-1 al Ceravolo contro i rossoblù. Per lui spuntò anche uno striscione.

Il Cosenza ritroverà Checco Moriero, allenatore della Sambenedettese che i tifosi rossoblù ricordano con grande piacere per aver guidato il Catanzaro nella stagione in cui, con Cappellacci in panchina, i rossoblù sbancarono 3-1 il Ceravolo in Coppa Italia.

Fu un match particolare, dove arrivò una vittoria inaspettata considerato l’allora qualità delle Aquile e l’organico dei Lupi che però Roselli poi avrebbe condotto ad alzare il trofeo nella notte del 22 aprile 2015.

Moriero, nonostante si trattasse di un derby molto sentito che seguiva lo 0-0 del Marulla registrato in campionato qualche settimana prima, preferì schierare le seconde linee. In campo segnò subito il Catanzaro con Morosini, ma replicò immediatamente De Angelis. Una doppietta di Sassano poi scatenò una contestazione violentissima che portò gli Ultras ’73 a rimuovere gli striscioni e abbandonare la Capraro. La stagione dei giallorossi si complicò quel giorno ed ebbe il suo apice nell’esonero dello stesso Moriero dopo un mese esatto.

Nel match con la Paganese che giunse a qualche giorno dal blitz nel derby, la Curva Bergamini ringraziò simbolicamente l’ex ala dell’Inter esponendo uno striscione eloquente: “Se per voi l’idolo è Iemmello… per noi Moriero è ancora più bello!”. Il riferimento fu chiaramente ai fan delle Aquile che qualche tempo prima celebrarono a dovere un gol dell’attaccante Iemmello al Cosenza con la maglia del Foggia.

Related posts