AttualitàDalla CalabriaIn evidenza homePolitica

Strutture, vitalizi, missioni: il Consiglio spende ancora

Continuano le spese del Consiglio regionale: rimborsi, volti vecchi e nuovi nelle strutture, assegni aggiornati per chi non siede più in aula

Nuovi consiglieri, nuovi fedelissimi nelle strutture. E per quelli che non siedono più a Palazzo Campanella, aggiornamento degli assegni vitalizi. Giusto il tempo di svolgere la prima seduta per attribuire le necessarie cariche e il Consiglio regionale della Calabria ha ripreso con le spese. Erano state decine le nomine delle ultime settimane, distribuite in tre infornate di persone di fiducia: sette a inizio marzo, ben trentacinque due settimane fa e altre nove poco dopo. Tutte al netto degli incarichi assegnati dalla Giunta, autisti compresi. Alle cinquantuno nomine già arrivate, con l’ultimo Burc, se ne sono aggiunte altre otto.

I nuovi ingressi nelle strutture dei consiglieri

Giuseppe Aieta aveva già a supportarlo un dipendente regionale, un collaboratore esperto al 50% e un segretario particolare al 50%. Da ieri, gli ultimi due sanno con chi dovranno dividere lo stipendio che sarebbe spettato loro se l’incarico fosse stato “pieno”. L’altro collaboratore esperto sarà il sindaco di Acri, Pino Capalbo, che ha già avuto questo incarico nel recente passato – così come lo ebbe prima di lui sua moglie, per pochi mesi – e incasserà 80.850 euro complessivi da qui al 25 gennaio del 2025. L’altro segretario sarà invece Francesco Martilotta, che di euro per lo stesso periodo di lavoro ne prenderà, a sua volta, quasi 98.500.

Poteva già contare su un segretario al 100%, invece, Libero Notarangelo, ma ha voluto con sé per i prossimi dodici mesi anche il dipendente regionale Antonio Maisetta. L’indennità extra che Maisetta aggiungerà al suo normale stipendio non è indicata nel Burc.
Nello staff di Sinibaldo Esposito – già composto da due segretari e una dipendente regionale – entra come componente esperto al 50% l’esterno alla pubblica amministrazione Alessio Mirarchi. Lo attendono, fino a fine legislatura, 80.500 euro.
Salgono a quattro – c’erano già due segretari e un collaboratore esterno al 50% – gli aiutanti di Francesco Pitaro. La new entry è Gianluca Tedesco, dipendente della Giunta che grazie al trasferimento di dodici mesi alla corte del consigliere aggiungerà allo stipendio annuale circa 12.800 euro in più.

Morrone: vitalizio per il padre, una miss per il figlio

La parte del leone nell’ultimo bollettino regionale spetta però alla famiglia Morrone. Ennio, il padre, ha visto rideterminare il suo assegno vitalizio ottenuto grazie ai nove anni trascorsi in consiglio regionale. D’ora in poi la Regione gli verserà poco più di 5.600 euro ogni mese. Luca, il figlio, ha nominato due segretari particolari e un collaboratore esterno al 50%. I primi due incarichi vanno ad altrettante donne, Sandra Serpa e Annalisa Torbilio, che incasseranno nel complesso poco meno di 98.500 euro a testa fino al 2025. Torbilio forse non avrà grande esperienza nella pubblica amministrazione, ma vanta comunque la vittoria della fascia di Miss Cotonella Calabria nel 2015 e una partecipazione a Temptation Island nel 2019. Il terzo incarico è invece per Santo Serra, che si dovrà accontentare nei prossimi cinque anni di 80.500 euro totali.

Quello di Morrone senior, comunque, non è l’unico vitalizio citato nel Burc. C’è anche quello di Alessandrò Nicolò, che di anni a Palazzo Campanella ne ha trascorso uno in meno del collega. I suoi otto sono sufficienti, però, a portare a casa d’ora in avanti ogni mese un assegno da 4.105 euro.
Menzione a parte, infine, per Giampaolo Latella. L’avvocato che da anni ricopre il ruolo di portavoce del presidente del Consiglio – anche con il Pd ad amministrare la Regione, facendo contemporaneamente il dirigente di Forza Italia – non ha risentito dell’attività pressocché nulla dell’aula Fortugno dalle ultime elezioni ad oggi. E per le sue missioni di febbraio e marzo 2020 si vedrà rimborsare quasi 1.600 euro.

Mostra altro

Camillo Giuliani

Cronista per il quotidiano Calabria Ora dalle elezioni provinciali del 2009, entra stabilmente in redazione nel 2011. Iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2013, ha lavorato in seguito a L'Ora della Calabria e Cronache del Garantista occupandosi di politica e inchieste, con qualche incursione nello sport, la cultura e la cronaca. Ha scritto di calcio e collaborato alla realizzazione di videoreportage per Mmasciata.it, condotto programmi su Radio Ciroma, pubblicato il volume “Corse e ricorsi – Una storia di famiglia e motori” per Pellegrini Editore.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina