venerdì,Maggio 24 2024

“Reset”, questioni sui verbali di Porcaro. Presto l’elenco degli abbreviati

Udienza preliminare rinviata al 30 giugno quando le difese e gli imputati decideranno se scegliere il rito alternativo o quello ordinario

“Reset”, questioni sui verbali di Porcaro. Presto l’elenco degli abbreviati

E’ ripresa oggi l’udienza preliminare dell’inchiesta “Reset“, la maxi indagine della Dda di Catanzaro contro la ‘ndrangheta cosentina. Le difese hanno sollevato diverse questioni preliminari circa l’inutilizzabilità dei verbali dei collaboratori di giustizia e sulle informative che la procura antimafia ha chiesto di acquisire agli atti del fascicolo.

Intanto, nella scorsa seduta processuale è stata accolta anche la costituzione di parte civile del comune di Rende, difeso dall’avvocato Santo Spadafora, il quale ricorda che «la costituzione ha voluto fortemente spazzare via ogni contraria valutazione della minoranza consiliare anche per l’enorme eco locale e nazionale che si è fatto per le modalità espletate dall’autorità competente nella fase cautelare. Il tutto determinando – aggiunge – l’avvocato Spadafora – un evidente danno e lesione dell’immagine e della storia riformista e garantista del comune di Rende“, il quale nella tarda serata di ieri è stato sciolto per infiltrazioni mafiose dal Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. Insomma, anche oggi l’udienza preliminare sarà intensa e probabilmente molto lunga.

17.00 – Rinviata l’udienza preliminare

Rispetto alla prima comunicazione, il gup del tribunale di Catanzaro ha deciso di rinviare l’udienza preliminare direttamente al 30 giugno, quando scioglierà le riserve sulle questioni sollevate dalle difese. Nella stessa data saranno formalizzate le richieste di abbreviato. Poi le discussioni dei pm.

16.05 – Gli imputati scelgono il rito: raffica di abbreviati

Si va verso il rinvio dell’udienza preliminare a domani, quando le difese e gli imputati formalizzeranno la scelta del rito. Si prevedono, da quanto si apprende, tanti giudizi abbreviati. Dopodiché la Dda di Catanzaro formalizzerà le sue richieste verso chi ha scelto un rito alternativo o verso chi ha scelto la strada del rito ordinario.

15.15 – Domani il gup scioglierà la riserva sulle questioni difensive

Il gup Fabiana Giacchetti ha comunicato alle parti che scioglierà la riserva sulle questioni difensive nella giornata di domani, quando l’udienza preliminare tornerà al centro dell’attività processuale dell’aula bunker di Lamezia Terme.

14.00 – Altre questioni difensive

Le altre questioni sulla documentazione presentata dalla Dda sono state sollevate dall’avvocato Fiorella Bozzarello rispetto ai verbali di Danilo Turboli. La penalista ha chiesto di acquisire la trascrizione dell’udienza “Testa di Serpente“, nel corso della quale l’imputato, presente anche in “Reset“, aveva comunicato di non voler più collaborare con la giustizia. «Ho inventato tutto», aveva detto in aula al pm Cubellotti. Inoltre, l’avvocato Bozzarello ha depositato un’ampia attività d’indagini difensive, con vari soggetti sentiti a sommarie informazioni, in merito alle posizioni dei fratelli Caputo.

13.38 – Orlando Scarlato torna in libertà

Il tribunale del Riesame di Catanzaro ha annullato la misura degli arresti domiciliari applicata il 1 settembre 2022 ad Orlando Scarlato, imputato nella vicenda giudiziaria che vede coinvolto anche Marcello Manna. Cadono, secondo i giudici, i gravi indizi di colpevolezza in ordine ai reati contestati. Accolto dunque il ricorso presentato dall’avvocato Gianluca Garritano, che aveva già ottenuto un provvedimento favorevole della Cassazione.

13.05 – Chiesta l’inutilizzabilità dei verbali di Porcaro

Nel corso dell’udienza preliminare le difese hanno sollevato due questioni riguardanti i verbali del collaboratore di giustizia Roberto Porcaro. Nel primo caso, l’avvocato Luca Acciardi ha lamentato il mancato deposito dei verbali integrali, mentre nel secondo l’avvocato Maurizio Nucci ha evidenziato che con l’applicazione della nuova legge Cartabia gli interrogatori dei collaboratori di giustizia devono essere video-ripresi. Il legale ha quindi chiesto l’inutilizzabilità dei verbali di Roberto Porcaro e anche di Ivan Barone. Richiesta alla quale si sono associati tutti gli altri difensori presenti in “Reset”.

12.00 – Controdeduzioni difensive

Le difese hanno iniziato ad esporre le rispettive controdeduzioni rispetto alla nuova produzione documentale presentata nella scorsa udienza dalla Dda di Catanzaro. Si fa riferimento alle conversazioni contenute nelle indagini “Genesi” e “Malarintha“, coordinate rispettivamente dalla Dda di Salerno e dalla procura di Cosenza.

La Dda vuole acquisirle agli atti del fascicolo in quanto sono contenute intercettazioni tra Marcello Manna, Pino Munno, Massimo e Adolfo D’Ambrosio, Eugenio Filice e Orlando Scarlato, tutti coinvolti nel capitolo investigativo relativo alla gestione del Palazzetto dello Sport e sul sostegno elettorale dei D’Ambrosio alla coalizione di Manna alle ultime elezioni comunali del 2019.

11.28 – Questioni sulle informative

L’avvocato Amelia Ferrari ha posto una questione sulle perizie della Dda, di cui una depositata dopo l’avviso di conclusioni delle indagini preliminari che afferiscono a tutte le intercettazioni del processo. Per la difesa si tratta di un’attività integrativa d’indagine, successiva alla chiusura dell’inchiesta e ciò provoca una lesione del diritto di difesa. Inoltre, il legale Ferrari ha chiesto di non acquisire l’informativa proveniente dal processo “Genesi“, in quanto verrebbero acquisite intercettazioni provenienti da un procedimento non connesso a quello di “Reset“. Intercettazioni di cui non si conoscono neanche i file originali, ha evidenziato l’avvocato Ferrari per la posizione di Massimo D’Ambrosio.

11.23 – Le nuove richieste della Dda di Catanzaro

Si entra nel vivo dell’udienza preliminare. La Dda di Catanzaro ha chiesto l’acquisizione di una perizia sulle macchine di “Luxury Game” riconducibili, secondo i magistrati, al gruppo Reda. Chiesta anche l’acquisizione di atti d’indagine di un processo che riguarda la posizione di Damiano Carelli. Le difese hanno chiesto un termine per analizzare tutta la documentazione.

10.55 – Al via la terza seduta dell’udienza preliminare

Il gup del tribunale di Catanzaro Fabiana Giacchetti ha quasi terminato l’appello di tutti gli imputati e si appresta a cominciare la terza seduta dell’udienza preliminare.

‘Ndrangheta Cosenza, gli imputati ancora in carcere

  1. Antonio Abruzzese “Strusciatappine”
  2. Antonio Abruzzese (’84)
  3. Franco Abbruzzese alias a Brezza Il Cantante
  4. Luigi Abbruzzese “Pikachu”
  5. Marco Abbruzzese
  6. Nicola Abbruzzese
  7. Rocco Abbruzzese
  8. Saverio Abbruzzese
  9. Claudio Alushi
  10. Salvatore Ariello
  11. Luigi Avolio
  12. Ivan Barone
  13. Giuseppe Belmonte
  14. Luigi Berlingieri “cinese” “Giapponese”
  15. Massimo Bertoldi
  16. Cosimo Bevilacqua “Mimì”
  17. Cosimo Bevilacqua “Corvo nero”
  18. Fiore Bevilacqua “Mano Mozza”
  19. Leonardo Bevilacqua “Occhialone”
  20. Luigi Bevilacqua “Gino del Cafarone”
  21. Nicola Bevilacqua
  22. Giuseppe Broccolo
  23. Salvatore Calandrino
  24. Ernesto Campanile
  25. Carmine Caputo
  26. Giuseppe Caputo
  27. Francesco Casella
  28. Alessandro Catanzaro
  29. Patrizio Chiappetta
  30. Massimo Ciancio
  31. Francesco Ciliberti
  32. Fabiano Ciranno
  33. Antonio Colasuonno
  34. Francesco Curcio
  35. Marco D’Alessandro
  36. Adolfo D’Ambrosio
  37. Massimo D’Ambrosio
  38. Massimiliano D’Elia
  39. Cesare D’Elia
  40. Andrea De Giovanni
  41. Sergio Del Popolo
  42. Antonio De Rose
  43. Michele Di Puppo
  44. Umberto Di Puppo
  45. Carlo Drago
  46. Giovanni Drago
  47. Cristian Ferraro
  48. Simone Ferrise
  49. Gino Garofalo
  50. Giovanni Garofalo
  51. Fabio Giannelli
  52. Andrea Greco
  53. Francesco Greco
  54. Francesco Gualano
  55. Silvia Guido
  56. Giuseppe Irillo
  57. Antonio Illuminato
  58. Gianluca Maestri
  59. Antonio Manzo
  60. Antonio Marotta “Capiceddra”
  61. Mauro Marsico
  62. Francesco Mazzei
  63. Ivan Montualdista
  64. Alfredo Morelli
  65. Alessandro Morrone (’72)
  66. Alessandro Morrone (’88)
  67. Roberto Junior Olibano
  68. Francesco Patitucci
  69. Damiana Pellegrino
  70. Giuseppe Perrone
  71. Erminio Pezzi
  72. Enzo Piattello
  73. Mario “Renato” Piromallo
  74. Roberto Porcaro
  75. Antonio Presta
  76. Gennaro Presta
  77. Giuseppe Presta
  78. Michele Rende
  79. Francesco Ripepi
  80. Denny Romano
  81. Stefano Salerno
  82. Mario Sollazzo
  83. Francesco Stola
  84. Alberto Superbo
  85. Marco Tornelli
  86. Alberto Turboli
  87. Danilo Turboli
  88. Sandro Vomero

Operazione Reset, gli imputati ancora ai domiciliari

  1. Rosaria Abbruzzese
  2. Massimo Benvenuto
  3. Antonio Bevilacqua
  4. Luigina Bevilacqua
  5. Aurelia Braccioforte
  6. Pasquale Bruni
  7. Michele Castiglione
  8. Andrea Cello
  9. Antonio Chiodo
  10. Alessio De Cicco
  11. Pasquale De Rose “vecchiareddru”
  12. Armando De Vuono
  13. Remo Florio
  14. Rosanna Garofalo
  15. Stefano Antonio Marigliano
  16. Andrea Mazzei
  17. Giuseppe Midulla
  18. Sandro Perri
  19. Remo Prete
  20. Sergio Raimondo
  21. Andrea Reda
  22. Antonio Russo
  23. Alessandro Stella
  24. Francesco Tassone
  25. Ivan Trinni
  26. Francesco Veltri
  27. Massimo Volpentesta

Obbligo di dimora per:

  1. Francesco Carelli
  2. Pietro De Mari
  3. Patrizia Drago
  4. Salvatore Garofalo
  5. Sergio La Canna
  6. Lauretta Mellone
  7. Pino Munno
  8. Silvio Orlando
  9. Antonio Carmine Policastri
  10. Paolo Reda
  11. Roberto Zengaro

Obbligo di firma per:

  1. Antonio Covelli
  2. Rosetta Falvo
  3. Eugenio Filice
  4. Simone Greco
  5. Angelo Frontino
  6. Anna Fiorillo
  7. Francesco Papara
  8. Ines Reda
  9. Paolo Recchia
  10. Paolo Reda
  11. Cristian Francesco Ruffolo
  12. Domenico Salerno
  13. Rosa Rugiano
  14. Cristian Vozza

Articoli correlati